Gaetano Donizetti

Quintetto con chitarra

Schermata 2020-03-27 alle 09.20.49
Schermata 2020-03-27 alle 09.20.49

Schermata 2020-03-27 alle 09.21.02
Schermata 2020-03-27 alle 09.21.02

Schermata 2020-03-27 alle 09.36.13
Schermata 2020-03-27 alle 09.36.13

Schermata 2020-03-27 alle 09.20.49
Schermata 2020-03-27 alle 09.20.49

1/7

Gaetano Donizetti (1797-1848), Quintetto con chitarra

 
La partitura autografa del Quintetto per 2 violini, viole, chitarra e violoncello di Gaetano Donizetti è conservata presso la Biblioteca del Conservatorio di Napoli al catalogo Rari 4.2.2. Lo stato di conservazione del manoscritto non è sempre perfetto, presentando alcune zone poco chiare e diverse correzioni. Si è pertanto ritenuto non ricorrere all’utilizzo di numerose note per indicare i passi poco chiari del manoscritto. La stesura del brano risale probabilmente al soggiorno napoletano, intorno al 1822. A Napoli Donizetti cambiò tre case, scrisse 50 opere tra cui il capolavoro Lucia di Lammermoor, di cui 29 destinati ai Reali Teatri cittadini (il San Carlo, il Fondo e il
Nuovo), assunse la direzione musicale degli stessi teatri, insegnando anche composizione e contrappunto al Conservatorio. Importanti compositori suoi contemporanei hanno scritto per lo stesso organico: Boccherini, L. de Call, Giuliani, Carulli, Gragnani, Paganini. Il Quintetto di Donizetti è di natura divertente, melodiosa, quasi una serenata e non presenta particolari asperità tecniche esecutive.
 

 

 

 

 

bsoggiint.jpg
Donizetti - Credo a 4 voci inedito - Donizetti Gaetano
00:00
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Spotify Icona sociale
  • Amazon - cerchio grigio
  • Instagram Social Icon