Niccolò Paganini

Moto perpetuo in do maggiore op.11 (MS 72)

Moto perpetuo Paga.jpg
M1093_1 mod.jpg
M1093_2.jpg

La parte di chitarra si trova a Trento: fu acquistata dal violinista trentino Marco Anzoletti nei primi anni del Novecento presso l'antiquario milanese Buttafava, che a sua volta l'aveva acquistata nel 1901 da Andrea Paganini. Alla morte di Anzoletti (1929) la collezione paganiniana da lui posseduta andò alla Società Filarmonica di Trento, che nel 1941 la diede in deposito alla Biblioteca comunale di Trento, dove è conservata.

Originariamente composto nell'aprile del 1835, il Moto Perpetuo rimase inedito al tempo della morte di Paganini nel 1840, stampato nel 1851 sia a Parigi che a Magonza. Il pezzo non entrò realmente nel repertorio fino al 1932, quando Fritz Kreisler pubblicò una trascrizione del lavoro per violino e pianoforte.
E' un brano divertente e folgorante...un principio di sonata governa la costruzione della musica: quale apparente ordinarietà cela l'ingegnoso meccanismo della ripresa del passaggio di apertura!

 

 

 

Paganini CS

Paganini CS

DSC_1670

DSC_1670

17834808_10211182424669432_967565009870058953_o

17834808_10211182424669432_967565009870058953_o

DSC_1640

DSC_1640

Polonese 3 impa-1

Polonese 3 impa-1

17880082_10211182426509478_2016503599849212902_o

17880082_10211182426509478_2016503599849212902_o

DSC_1671

DSC_1671

Allegro 1 paganini IMPA-1

Allegro 1 paganini IMPA-1

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Spotify Icona sociale
  • Amazon - cerchio grigio
  • Instagram Social Icon