Gabriele Zanetti chitarra guitar

Red Hot Peppers è un saggio sulla nascita della musica jazz che parla di blues, ragtime, bande, New Orleans e grandi musicisti. Il taglio saggistico, privo di aneddoti, cerca di fare chiarezza sulle origini di alcune tra le più influenti forme di popoular music del XX secolo. 

 

 

 

Acquista in formato Kindle

 

Acquista RED HOT PEPPERS

 

costo: 14 €
incluse spese di spedizione

 

Informazioni:
ammazzabruchi@libero.it

 

https://www.paypal.me/gabrielezanetti

 

23130624_10214379741398010_3948234274638996811_n
13173822_1679993812262615_8515462036250756714_n
22548893_323942444747345_8659386442275696656_o
20708460_10213721475461773_1027261444753189740_n
DSC_2851
22339540_323534051454851_6507208359556266291_o
22553077_324677838007139_3479571038715422049_o
13495518_637721266382411_4689561120290393172_o
22339530_323539074787682_4886205127633811075_o
22538637_324464118028511_4186668826738663912_o
19575256_10213250873417016_1478870715766432220_o
DSC_2870
gardaland2017
22467391_323889134752676_609309609098147259_o
DSC_2859
13501849_637721253049079_232941072737858674_n

Presentazione Sabato 2 aprile 2016

 

Festival "Note d'autore" Cremona

 

http://www.laprovinciacr.it/scheda/cultura/135569/-Note-d-autore--.html

 

 

 

Fabio Larovere


PREFAZIONE


Sebbene non risalgano a un’ineffabile e remota età della Preistoria, ma alla fine del diciannovesimo secolo, le origini del jazz continuano a essere avvolte da un certo alone di mistero. Echi africani, suggestioni cubane, retaggi europei, cabaret e campi di cotone: come questi e molti altri riferimenti, così eterogenei, abbiano potuto trovare una sintesi in un universo musicale dai contorni definiti, sembra difficile comprendere e spiegare. Come stupirsi, del resto, se ancora oggi non si conosce né la provenienza né l’esatto significato della stessa parola jazz? Tra i suoi molti meriti, il libro di Gabriele Zanetti ha in primo luogo l’umiltà di provare a mettere ordine in questo intreccio di storie e geografie sonore senza pregiudizi né il desiderio di imporre etichette e categorie, semplicemente accumulando dati e informazioni, evidenziando legami e differenze, descrivendo incontri e scontri tra musicisti. Anziché concentrarsi sul quadro, quindi, Zanetti si occupa delle singole tessere del mosaico, esplorando in particolare i due affluenti più significativi del jazz, il blues e il ragtime, rivelando come essi riflettano a loro volta in parte il passato – l’eredità poliritmica e armonica della musica africana tanto spesso sottolineata, ma anche gli influssi centroamericani e le non trascurabili contaminazioni con la cultura europea – e in parte possiedano dei caratteri di dirompente novità, impronta creativa di autori come Scott Joplin o, ancor più, Jelly Roll Morton. Se un’immagine unitaria della nascita del jazz si va perciò formando, pagina dopo pagina, non è certo una composizione ma semmai un’esaltazione delle contraddizioni che la determinano: le note blu appaiono, in effetti, l’esito scoppiettante – e per questo qualificatosi di lì in poi come un linguaggio eclettico e capace di segnare col suo dinamismo l’intero ventesimo secolo – di un irripetibile incontro tra culture, di una combinazione meticcia in cui le differenze non sono ostacolo ma premessa e spirito dell’esperienza artistica. Di questo cammino, con riflessioni non banali sulla coeva nascita dell’industria musicale, il libro di Zanetti ci rende consapevoli, guidandoci con rigore e passione. E se la natura fluida e camaleontica del jazz costituisce il suo vero elisir di lunga vita, raccontarne i caratteri e le premesse appare ancora più un lavoro indispensabile e degno di ammirazione..

13501849_637721253049079_232941072737858674_n

13501849_637721253049079_232941072737858674_n

13497675_637721249715746_5533876479411660953_o

13497675_637721249715746_5533876479411660953_o

13495518_637721266382411_4689561120290393172_o

13495518_637721266382411_4689561120290393172_o

10426170_10206283889404060_3139655245062904692_n.jpg

10426170_10206283889404060_3139655245062904692_n.jpg

10469093_10203264464804439_2277010511406597048_n.jpg

10469093_10203264464804439_2277010511406597048_n.jpg

163619_101575116584107_4143334_n.jpg

163619_101575116584107_4143334_n.jpg

11755131_1613344522263541_3934237470841209560_n.jpg

11755131_1613344522263541_3934237470841209560_n.jpg

285549_1912978179599_2016284_n.jpg

285549_1912978179599_2016284_n.jpg

10881584_10205825947475798_7493087008992165774_n.jpg

10881584_10205825947475798_7493087008992165774_n.jpg

553511_3932859392974_1072207489_n.jpg

553511_3932859392974_1072207489_n.jpg

11224463_10205764477622883_2544815186391561473_n.jpg

11224463_10205764477622883_2544815186391561473_n.jpg

Red Hot Eight Peppers

 

Original Brixieland Jazz Band

 

 

Gabriele Rubino - clarinetto

Michele Goglio - sax

Massimo Pietta - tromba

Osvaldo Tagliani - trombone

Paolo Tognola - pianoforte

Carlo Turra - contrabbasso

Andrea Perini - batteria

Gabriele Zanetti - banjo

 

 

 

Proposta di programma.

 

Carrellata di brani traditional arrangiati secondo

il dixieland old style. Divertimento e ritmo anni Dieci!

 

 

 

 

I programmi proposti sono indicativi, e possono subire integrazioni o cambiamenti.

 

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Spotify Icona sociale
  • Amazon - cerchio grigio
  • Instagram Social Icon

Gabriele Zanetti   -  Castegnato (BS) - matricola enpals 2402838

  ammazzabruchi@libero.it   +39 340.4048639   -   C.F. ZNTGRL86R16E333P

https://soundcloud.com/gabrielezanetti

https://soundcloud.com/gabriele-zanettiz

 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now